[Intervista] Valtent

Le interviste di eSailing Italia : oggi abbiamo parlato con Alberto Carraro, “Valtent ” su Virtual Regatta.

quando hai iniziato a giocare online?

Ho iniziato a giocare online con i giochi di vela virtuale al tempo di Virtual Skipper 3 nei primi 2000, per poi passare a VSkipper 4/ 5 e poi 32nd america’s cup. poi dopo una piccola pausa sono passato a e-regata e infine a settembre del 2018 sono passato a Virtual Regatta Inshore

qual’è la tua esperienza con la vela reale?

Esperienza in vela reale parte dalle derive: optimist e 470 per poi a 13 anni iniziare sulle imbarcazioni di altura. dopo 5 anni di gavetta con un equipaggio amatoriale, sono riuscito ad entrare in un equipaggio semipro e ho partecipato agli europei Offshore in Cres. Da li mi sono focalizzato con le regate d’altura: partendo dalle costiere del nord adriatico passando alle vittorie alla 200 di caorle, alle 2 partecipazioni alla middle sea race la seconda come secondo in comando. nel 2012 sono entrato in veleria dopo un corso sulla progettazione e la vendita di imbarcazioni e vele. nel 2013 sono emigrato in Cina dove con un ragazzo cinese abbiamo aperto la veleria e il lato di ottimizzazione di imbarcazioni per regate: io mi occupavo essenzialmente della seconda parte. li abbiamo partecipato alle regate nazionali (China Cup) facendo su sette anni 6 podii. sempre in cina ho continuato con l’altura con equipaggi amatoriali al giro dell’hainan: regata offshore di lunghezza di circa 600nm (anche li con vittorie e podii).

quali sono le differenze più importanti fra vela virtuale e reale?

La vela reale da’ un ottimo senso di completezza mentre quella virtuale, data la sua velocita’ e’ molto emozionante ma manca di un senso di ‘accomplishment’. se VRI fosse piu orientato sul regolamento di regata sarebbe un ottima palestra per i veri velisti

quanto ti sei allenato per arrivare a alti livelli e qual’è il tuo miglior risultato ottenuto fino a qui?

il mio target e’ stato sempre di almeno mezz’ora al giorno, ma dovrei arrivare a circa 2 h per poter competere con i top. l’anno scorso sono arrivato 11imo al mondo per le qualificazioni mondiali, a 0.2 punti di distanza da una eventuale qualificazione

come vedi il futuro della vela virtuale?

Il futuro della vela virtuale sembra eccellente se si trovano persone pronte a investire soldi e tempo in questo progetto. al momento VRI e’ la piattaforma piu’ utilizzata perche’ piu eccitante, ma a mio avviso, deve migliorarsi ancora tanto per essere veramente integrata senza alcun complesso di inferiorita’ nell’albo degli esport piu famosi e essere integrata eventualmente nelle olimpiadi di parigi 2024